Taggato: Alzheimer

Libro “Super cibi per la mente” 0

Libro “Super cibi per la mente”

Share

Pubblicato da Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana il 14 ottobre 2013. ScienzaVegetariana.it   Cari lettori, segnaliamo che e’ possibile ordinare on-line dal sito di AgireOra Edizioni il nuovo libro del dottor Neal Barnard, curato,...

Linee Guida Dietetiche per la prevenzione della demenza di Alzheimer 0

Linee Guida Dietetiche per la prevenzione della demenza di Alzheimer

Share

Pubblicato da Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana il 26 ottobre 2013. ScienzaVegetariana.it   Un nuovo opuscolo a cura del PCRM, tradotto in italiano. E’ da oggi disponibile un nuovo opuscolo – scaricabile gratuitamente oppure...

Libro “Super cibi per la mente” 0

Libro “Super cibi per la mente”

Share

Pubblicato da Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana il 14 ottobre 2013. SSNV News. ScienzaVegetariana.it   Cari lettori, segnaliamo che e’ possibile ordinare on-line dal sito di AgireOra Edizioni il nuovo libro del dottor Neal...

Scoperto collegamento tra glicemia alta e demenza 0

Scoperto collegamento tra glicemia alta e demenza

Share

Physicians Committee for Responsible Medicine. High Blood Sugar Levels Linked to Dementia. August 9, 2013. Breaking Medical News. PCRM.org – Traduzione di InformazioneAlimentare.it   Alti livelli ematici di glucosio possono aumentare il rischio di...

Farmaco per il trattamento dell’Alzheimer risultato pericoloso 0

Farmaco per il trattamento dell’Alzheimer risultato pericoloso

Share

Physicians Committee for Responsible Medicine. Drug to Treat Alzheimer’s Proves Dangerous. July 25, 2013. Breaking Medical News. PCRM.org – Traduzione di InformazioneAlimentare.it   Del nuovo e promettente farmaco per il trattamento dell morbo di Alzheimer...

Dieta ad alto contenuto di grassi associata con il morbo di Alzheimer 0

Dieta ad alto contenuto di grassi associata con il morbo di Alzheimer

Share

Physicians Committee for Responsible Medicine. High-Fat Diet Boosts Brain Proteins Linked to Alzheimer’s Disease. June 20, 2013. Breaking Medical News. PCRM.org – Traduzione di InformazioneAlimentare.it   Una dieta ad alto contenuto di grassi e...

Triplica l’incidenza di morbo di Alzheimer 0

Triplica l’incidenza di morbo di Alzheimer

Share

Physicians Committee for Responsible Medicine. Threefold Increase in Alzheimer’s Disease. February 7, 2013. Breaking Medical News. PCRM.org – Traduzione di InformazioneAlimentare.it   Il numero di persone affette da morbo di Alzheimer balzerà da 4,7...

Il rischio associato agli integratori di ferro 0

Il rischio associato agli integratori di ferro

Share

bottone_ssnv

Pubblicato da Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana il 23 agosto 2012. ScienzaVegetariana.it

E’ importante assumere ferro solo da fonti vegetali.

Il ferro è un’arma a doppio taglio. Se non ne assumiamo abbastanza rischiamo l’anemia, ma se ne assumiamo troppo possiamo aumentare il rischio di cancro, di malattie cardiache e di un certo numero di stati infiammatori. Dato che il corpo umano non ha un meccanismo in grado di eliminare l’eccesso di ferro, occorre preferire il ferro proveniente dai vegetali (ferro non-eme), sul quale il nostro organismo ha un certo controllo.

Di seguito riportiamo un video in cui il dottor Michael Greger spiega in dettaglio questo problema, con la trascrizione in italiano del suo intervento subito sotto.

(Fonte: Risk Associated With Iron Supplements)

Traduzione in italiano: Il rischio associato agli integratori di ferro

Il ferro è un’arma a doppio taglio. Se non ne assumiamo abbastanza rischiamo l’anemia, ma se ne assumiamo troppo possiamo aumentare il rischio di cancro colorettale, malattie cardiache, infezioni, malattie neurodegenerative e stati infiammatori. Anche altre patologie sono state associate ad un’elevata assunzione di ferro, tra le quali l’Alzheimer, la Malattia di Parkinson, l’artrite e il diabete.

Dal momento che il nostro organismo non è in grado di eliminare l’eccesso di ferro, abbiamo sviluppato un meccanismo rigido per regolarne l’assimilazione: se le nostre scorte di ferro sono scarse, il nostro intestino ne stimola l’assorbimento, mentre se le nostre riserve sono al loro massimo, il nostro intestino blocca l’assorbimento di ferro per mantenerci ad un livello ottimale.

Questo meccanismo però funziona soltanto con le fonti di ferro primarie della dieta dell’uomo, ovvero il ferro che si trova nei cibi di origine vegetale.

Il nostro apparato digerente invece non ha un meccanismo per regolare il ferro ingerito con il sangue, il ferro eme. Il ferro che si trova nel cibo di origine animale passa direttamente attraverso la barriera intestinale e anche se nel nostro organismo già ne abbiamo più che a sufficienza, non possiamo in alcun modo controllare l’assimilazione di questo tipo di ferro.