Taggato: Dr.Greger

Latte scremato e acne 0

Latte scremato e acne

Share

Michael Greger, MD. Skim Milk and Acne. June 12, 2012. Dr. Greger’s Medical Nutrition Blog. NutritionFacts.org. Traduzione a cura di Valentina Carpanese per InformazioneAlimentare.it

AcneIl National Dairy Council continua a negare che il consumo di latte causi l’acne, ma uno studio da loro finanziato—lo Harvard Nurse’s Health Study— ha confermato il contrario, come mostrato nel mio video di 3 minuti Il National Dairy Council su Acne e Latte. Nelle conclusioni si legge: “Abbiamo trovato una correlazione positiva tra acne e consumo di latte sia intero che scremato. Ipotizziamo che tale correlazione possa essere dovuta alla presenza nel latte di ormoni e molecole bio-attive”.

Correlazione non implica tuttavia causalità. Dall’editoriale che lo accompagnava nel Journal of the American Academy of Dermatology:

“Gli articoli…della Harvard School of Public Health stabiliscono un’associazione tra consumo di latte ed acne. Come può il latte causare l’acne? Il motivo è che bere latte e consumare latticini provenienti da mucche gravide ci espone agli ormoni prodotti dalle mucche durante la gravidanza, ormoni che non saremmo tenuti ad assumere durante la nostra adolescenza o età adulta. Non è un segreto che negli adolescenti l’acne vada di pari passo con l’attività ormonale…Cosa accade dunque se alla normale produzione endogena si aggiungono ormoni esogeni? E qual’è di preciso l’origine di questi ormoni? Considerate che, in natura, il latte viene preso dalla madre, che sia umana o bovina, fino al momento dello svezzamento. Solitamente, quindi, la madre interrompe l’allattamento prima che ci sia una nuova gravidanza— perciò capita raramente di assumere latte da una madre nuovamente incinta. Abbiamo visto tutti quei documentari sugli animali che, quando arriva il momento giusto, scacciano via i propri cuccioli per incorraggiare il loro svezzamento. Inoltre, in natura, i cuccioli consumano solo il latte della propria specie—ma entrambe queste leggi naturali sono violate dall’uomo. Da una considerazione obbiettiva, il consumo di grandi quantità di latte di altre specie, soprattutto quando il latte proviene da mucche gravide e viene consumato negli anni normalmente successivi allo svezzamento, è essenzialmente innaturale”.

Lo Harvard Nurse’s Health Study ha riscontrato che l’associazione tra consumo di latte e casi di acne diagnosticati come gravi in adolescenti risultava ancora più marcata per il latte scremato. Questo potrebbe essere spiegato con la maggiore concentrazione di estrogeni: i ricercatori hanno trovato 15 ormoni sessuali di tipo steroideo nel latte in commercio preso direttamenti dagli scaffali, e i livelli più alti in quello scremato, paragonato a quello parzialmente scremato al 2% e a quello intero (guardate il mio video di 4 minuti Ormoni nel latte scremato e nel latte intero).

Il latte—biologico o convenzionale che sia—è semplicemente un cocktail di ormoni. Questa però non è una consequenza di iniezioni alle mucche di ormone della crescita o di steroidi aggiuntivi. Come si faceva notare in un articolo d’opinione nel Journal of the American Academy of Dermatology: “Non dovrebbe sorprendere che il latte contenga una simile gamma di ormoni promotori della crescita. Il latte in fin dei conti è pensato appositamente per la crescita”.

Preservare una buona vista con la dieta 0

Preservare una buona vista con la dieta

Share

Michael Greger, MD. Preserving Vision Through Diet. July 19, 2012. Dr. Greger’s Medical Nutrition Blog. NutritionFacts.org. Traduzione a cura di Valentina Carpanese per InformazioneAlimentare.it

Preserving visionPiù di un milione di americani è cieco. La buona notizia è che tutte e quattro le cause più comuni di perdita della vista possono essere evitate con una salutare dieta a base vegetale—degenerazione maculare dovuta all’età, diabete, glaucoma, e cataratta.

Guardate il mio video di 2 minuti Prevenire la degenerazione maculare con la dieta per una panoramica sulla relazione tra perdita della vista e l’Harvard’s Alternative Healthy Eating Index (il video Calcola il tuo punteggio nel mangiar sano offre un’alternativa all’alternativa). Il diabete non è solo una delle principali cause di cecità, ma anche di amputazioni ed insufficienza renale. Fortunatamente il diabete si può prevenire e persino far regredire.

Il glaucoma è un progressivo deterioramento del nostro nervo ottico, quel nervo che collega i nostri occhi con il cervello, ed è secondo solo alla cataratta come principale causa di cecità a livello mondiale. Vi sorprenderà, ma non sappiamo ancora che cosa lo provochi, per cui si è ricercato disperatamente su come possano influire ambiente e dieta.

Come mostrato nel mio video di 2 minuti Prevenire il glaucoma e vedere 27 miglia più lontano, si è scoperto che il componente della dieta che si dimostra più protettivo—diminuendo l’incidenza del glaucoma del 69%!—è il consumo di almeno una porzione al mese di cavolo verde o cavolo verde riccio. Pensate: una sola porzione, o più, al mese. Il secondo e terzo posto come cibi più protettivi vanno rispettivamente alla carota e alla pesca, entrambe con almeno una porzione alla settimana.

Si pensa sia grazie a luteina e zeaxantina, due pigmenti vegetali di colore giallo presenti nella verdura e frutta che sembra sappiano dove andare. Una volta introdotti nel nostro corpo, vanno a concentrarsi nella retina e sembrano proteggere dalle malattie degenerative oculari. Ma questo non è un fenomeno specifico solo di questi pigmenti. Il licopene è il pigmento rosso che si trova nei pomodori, e si è dimostrato protettivo contro il cancro della prostata. Indovinate dove va a finire quando un uomo mangia un pomodoro? Dritto alla prostata. Il beta carotene nella verdura potrebbe prevenire il cancro all’ovario e accade proprio che si concentri nelle ovaie.

Questi fitonutrienti non solo proteggono la nostra vista, ma potrebbero persino migliorarla. Il loro picco di assorbimento della luce risulta coincidere con la lunghezza d’onda del colore del cielo del nostro pianeta. Secondo un recente studio, filtrando quella foschia azzurrina, “gli individui con alte concentrazioni di pigmenti maculari [la luteina e la zeaxantina, quei fitonutrienti dalla verdura, NdT]” stando in cima ad una montagna in una giornata tersa “potrebbe distinguere creste di montagne lontane fino a 27 miglia più in là rispetto a quelli con concetrazioni minori o nulle di pigmenti”.

Ma non è forse vero che anche le uova contengono quantità significative di questi fondamentali nutrienti salva-vista? Questo è quello che l’industria delle uova vuol far credere—guardate il mio video di 2 minuti Punto cieco per l’industria delle uova. Inoltre, invito le persone a stare alla larga da compresse di luteina (ed integratori di beta-carotene).

Combattere l’infiammazione con la sinergia dei nutrienti 0

Combattere l’infiammazione con la sinergia dei nutrienti

Share

Michael Greger, MD. Fighting Inflammation With Food Synergy. June 28, 2012. Dr. Greger’s Medical Nutrition Blog. NutritionFacts.org. Traduzione a cura di Valentina Carpanese per InformazioneAlimentare.it

Mela e aranciaUna delle ragioni per cui alcuni studi non hanno mostrato risultati così eclatanti nell’associare la riduzione dell’incidenza di malattie alla quantità di frutta e verdura consumata (si veda lo Studio EPIC) potrebbe essere la qualità della frutta e della verdura. Le persone è più probabile mangino banane e non mirtilli; cetrioli e non cavolo verde riccio. I frutti di bosco sono i migliori tra i frutti (guarda I migliori frutti di bosco) e quelli a foglia verde scuro lo sono tra le verdure (guarda Le verdure più salutari).

E anche la varietà conta. Sappiamo ad esempio che gli spinaci sono meglio della lattuga (guarda #1 La miglior verdura contro il cancro per un confronto tra le verdure a foglia verde), e che un’insalata abbondante è meglio di una piccola, ma è da preferire della misticanza anche a degli splendidi spinaci? Ed é più salutare mangiare una mela ed un’arancia piuttosto che tre mele o tre arance? Nonostante ci siano composti vegetali comuni come la vitamina C distribuiti un pò in tutto il regno vegetale, ci sono anche fitonutrienti specifici prodotti da piante specifiche per svolgere funzioni specifiche—sia nei loro che nei nostri apparati. Ce li facciamo mancare se ci fissiamo a mangiare sempre la stessa frutta e verdura, anche se in più porzioni al giorno.

Ce ne sono a decine di migliaia di questi fitonutrienti (guarda il mio video di 2 minuti Fitocomposti: I nutrienti mancanti nelle etichette), ma non sono egualmente distrbuiti nel regno vegetale. Quei meravigliosi glucosinolati di cui ho trattato in Il miglior Detox, Broccoli contro le cellule staminali del cancro al seno, e Tumore del polmone in metastasi e Broccoli, per citare qualche esempio, si trovano quasi esclusivamente nella famiglia delle crucifere. Similmente, non potrai avere lemonoidi, come limonina, limonolo o tangeritina – nelle mele. Mettere a confronto mele e arance è come, beh, mettere a confronto mele e arance.

E allo stesso tempo, tutti i frutti sono soltanto, per l’appunto, frutti, mentre le verdure possono essere qualsiasi altra parte della pianta. Come ho esposto nel mio video di 2 minuti Mele e arance: la varietà nella dieta, le radici contengono nutrienti diversi rispetto ai germogli. Le carote sono radici, il sedano e il rabarbaro sono gambi, le foglie dei vegetali a foglia verde sono foglie ovviamente, i piselli sono bacelli, e il cavolfiore come dice il nome è un’insieme di gemme di fiori, ma tutti i frutti sono appunto solo frutti. L’evidenza a nostra disposizione suggerisce che potrebbe essere la cosa più importante assicurarsi una varietà di vegetali in modo da poter trarre beneficio da ogni singola parte della pianta.

Consumo di latte e acne 0

Consumo di latte e acne

Share

bottone_ssnv

Pubblicato da Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana il 27 agosto 2012. ScienzaVegetariana.it

Trovata una correlazione tra consumo di latte e acne negli adolescenti.

All’Università di Harvard sono stati condotti tre studi che hanno messo in relazione la comparsa dell’acne negli adolescenti di entrambi i sessi con il consumo di latticini, attribuendo il problema al contenuto di ormone sessuale steroideo che si trova di solito nel latte vaccino (il naturale ormone presente nel latte, senza utilizzo di ulteriori ormoni nell’allevamento degli animali), in particolar modo nel latte scremato.

Di seguito riportiamo un video in cui il dottor Michael Greger tratta la questione, con la trascrizione in italiano del suo intervento subito sotto.

(Fonte: Skim Milk and Acne)

Traduzione in italiano: Latte scremato ed acne

Lo Studio Nurses’, condotto ad Harvard e pubblicato sull’autorevole rivista dell’American Accademy of Dermatology, finanziato in parte nientemeno che dal National Dairy Council stesso (NdT: l’organismo nazionale dell’industria lattiero casearia), ha evidenziato un’associazione tra assunzione di latte nell’adolescenza e la comparsa di una grave acne giovanile (diagnosticata da un medico).

Tale associazione è ancora più pronunciata nel caso di latte scremato rispetto ad altri tipi di latte e la causa potrebbe essere dovuta alla maggiore concentrazione di estrogeni del latte scremato.

I ricercatori, infatti, hanno trovato quindici ormoni sessuali steroidei nel latte disponibile in commercio e i livelli più elevati sono proprio nel latte scremato, rispetto al latte intero e a quello al due per cento.

Questo studio è stato condotto intervistando un certo numero di donne su cosa mangiassero molti anni prima, quando frequentavano le scuole superiori, ma la maggior parte non riusciva a ricordarlo.

Pertanto, l’anno seguente i ricercatori dell’Università di Harvard hanno deciso di studiare in modo più diretto la correlazione tra consumo di latte e acne nelle ragazze adolescenti, seguendo per alcuni anni seimila adolescenti di età compresa tra i nove e i quindici anni ed arrivando sempre allo stesso risultato, ovvero l’esistenza di un forte legame tra assunzione di latte ed acne.

Il rischio associato agli integratori di ferro 0

Il rischio associato agli integratori di ferro

Share

bottone_ssnv

Pubblicato da Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana il 23 agosto 2012. ScienzaVegetariana.it

E’ importante assumere ferro solo da fonti vegetali.

Il ferro è un’arma a doppio taglio. Se non ne assumiamo abbastanza rischiamo l’anemia, ma se ne assumiamo troppo possiamo aumentare il rischio di cancro, di malattie cardiache e di un certo numero di stati infiammatori. Dato che il corpo umano non ha un meccanismo in grado di eliminare l’eccesso di ferro, occorre preferire il ferro proveniente dai vegetali (ferro non-eme), sul quale il nostro organismo ha un certo controllo.

Di seguito riportiamo un video in cui il dottor Michael Greger spiega in dettaglio questo problema, con la trascrizione in italiano del suo intervento subito sotto.

(Fonte: Risk Associated With Iron Supplements)

Traduzione in italiano: Il rischio associato agli integratori di ferro

Il ferro è un’arma a doppio taglio. Se non ne assumiamo abbastanza rischiamo l’anemia, ma se ne assumiamo troppo possiamo aumentare il rischio di cancro colorettale, malattie cardiache, infezioni, malattie neurodegenerative e stati infiammatori. Anche altre patologie sono state associate ad un’elevata assunzione di ferro, tra le quali l’Alzheimer, la Malattia di Parkinson, l’artrite e il diabete.

Dal momento che il nostro organismo non è in grado di eliminare l’eccesso di ferro, abbiamo sviluppato un meccanismo rigido per regolarne l’assimilazione: se le nostre scorte di ferro sono scarse, il nostro intestino ne stimola l’assorbimento, mentre se le nostre riserve sono al loro massimo, il nostro intestino blocca l’assorbimento di ferro per mantenerci ad un livello ottimale.

Questo meccanismo però funziona soltanto con le fonti di ferro primarie della dieta dell’uomo, ovvero il ferro che si trova nei cibi di origine vegetale.

Il nostro apparato digerente invece non ha un meccanismo per regolare il ferro ingerito con il sangue, il ferro eme. Il ferro che si trova nel cibo di origine animale passa direttamente attraverso la barriera intestinale e anche se nel nostro organismo già ne abbiamo più che a sufficienza, non possiamo in alcun modo controllare l’assimilazione di questo tipo di ferro.

Legumi e gas: arieggiamo un po’ 0

Legumi e gas: arieggiamo un po’

Share

Michael Greger, MD. Beans and Gas: Clearing the Air. December 05, 2012. Dr. Greger’s Medical Nutrition Blog. NutritionFacts.org. Traduzione a cura di Valentina Carpanese per InformazioneAlimentare.it

LegumiPiù di dieci anni fa, il Quarterly Journal of Medicine pubblicava una rassegna intitolata: “L’alimentazione vegetariana: panacea per le malattie dell’attuale stile di vita?” La risposta era affermativa, facendo notare che coloro che mangiavano vegetariano risultavano avere minor incidenza di obesità, pressione alta, diabete, malattie cardiache, colosterolo alto, cancro, malattie renali, forse minor rischio di infarto, perdita della vista associata all’età, diverticolite, meno calcoli alla cistifellea, e ovviamente meno costipazione. Scorso il bugiardino dei benefici, i ricercatori hanno però identificato 2 effetti collaterali ad un’alimentazione vegetale: 1) il rischio di carenza di vitamina B12, argomento che ho trattato precedentemente, e 2) l’aumentata produzione di gas intestinale. Dunque: da un lato abbiamo le prime 10 cause di morte negli Stati Uniti, e dall’altro la flatulenza.

Permettetimi di iniziare col dire che i gas intestinali sono fisiologici e salutari. Quando i pazienti si presentano dai medici lamentando eccessiva produzione di gas, di solito viene indicato loro di andare a casa e tenere un diario per una settimana. “Anche se può sembrare che ciò complichi solo la situazione”, scrivevano i ricercatori su una rivista di gastroenterologia, “abbiamo notato che i pazienti si divertono a tenere un simile diario”.

Gli Americani riportano di emettere gas in media 14 volte al giorno, con un range normale che raggiunge anche le 22 volte al giorno. Molte persone che pensano di produrre troppo gas rientrano invece nel range, conclude il famoso flatologista Michael Levitt, M.D, “e devono solo essere informati di questa loro ‘normalità”.

Vi state chiedendo chi ha finanziato una simile ricerca? Potreste rimanere sorpresi nello scoprire che la vera svolta in quest’area di ricerca è stata data dalla NASA negli Anni ’50 —  un alacre impiego delle tasse pagate dai nostri nonni. La NASA in effetti si preoccupava che gli astronauti potessero davvero soffocare o che da qualche scintilla potesse infiammare il metano. Ecco spiegati articoli con titoli come “Ultimi progressi in flatologia” a rappresentare la ricerca dell’Era Spaziale! Come raccomandava un ricercatore NASA , “potrebbe risultare vantaggioso scegliere come astronauti persone che in generale … non producano grandi quantità di gas.

Pollame e tumore al pene 0

Pollame e tumore al pene

Share

Uno dei motivi per cui è così difficile studiare le relazioni tra alimentazione e cancro è perchè molti comportamenti alimentari si associano a comportamenti non-alimentari. Per esempio, una delle motivazioni per cui si riteneva...

Raccomandazioni per una nutrizione ottimale 2011 0

Raccomandazioni per una nutrizione ottimale 2011

Share

Michael Greger, MD. Optimum Nutrition Recommendations. September 12, 2012. Dr. Greger’s Medical Nutrition Blog. NutritionFacts.org. Traduzione a cura di Valentina Carpanese per InformazioneAlimentare.it

kaleNel video del giorno di NutritionFacts.org di oggi, Golden glow, e in quello di domani, Produce, not pills to increase physical attractiveness, ho presentato una nuova ricerca secondo la quale il consumo di vegetali a foglia verde scuro fa sembrare più sano l’aspetto dei Caucasici*, grazie alla deposizione di carotenoidi nella pelle. Tuttavia, assumendo gli stessi fitonutrienti in formato pastiglia, la cosa non funziona.  Dovremmo ricavare tutti i nutrienti che possiamo dalle piante, non dalle pastiglie. 

Il complesso delle evidenze scientifiche suggerisce che l’alimentazione più sana è quella totalmente vegetale con fortificazione di vitamina B-12. Per una nutrizione ottimale, dovremmo assicurarci di includere nei pasti di ogni giorno non solo una vasta gamma di cereali, legumi, frutta secca, semi, frutta, e quante più verdure riusciamo a mangiare, ma anche nello specifico vegetali a foglia verde scuro, frutti di bosco, e té bianco (o verde).

Si dovrebbe prestare particolare attenzione ai seguenti nutrienti:

Vitamina B12

  • Almeno 2500 mcg (µg) di cianocobalamina una volta la settimana, preferibile l’integratore masticabile, sublinguale o liquido.
    • o almeno 250 mcg di cianocobalamina al giorno (non dovete preoccuparvi di assumerne troppa).
    • o 3 porzioni di cibi forticati con vitamina B12 al giorno, ciascuna porzione deve contenere almeno il  25% U.S. “Daily Value”, indicato sull’etichetta della confezione.
  • Consiglio: se avvertite sintomi da carenza, il più affidabile è il test per l’acido metilmalonico MMA nelle urine (non la B12 sierica)

[Nota di InformazioneAlimentare.it: in Italia si trovano solo supplementi da 2000 mcg, che si rivelano però sufficienti anche secondo le raccomandazioni della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana]

Acidi grassi Omega-3

250 – 500 mg di integratore di DHA e/o EPA derivato da lieviti o alghe al giorno

[Nota di InformazioneAlimentare.it: altri rinomati nutrizionisti vegan non sostengono la necessità di integrare il DHA, mentre altri ancora raccomandano quantità significativamente minori. Si vedano, come esempi: Food Guide for Vegans di Virginia Messina e Omega-3 Fatty Acid Recommendations for Vegetarians di Jack Norris]