Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Moderatore: Staff moderatori

Avatar utente
Fox_Mulder
Amministratore
Messaggi: 1321
Iscritto il: lun lug 03, 2006 1:28 pm
Autenticazione: 132435465768
Località: Oslo, Norvegia.
Contatta:

Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da Fox_Mulder » mar mar 29, 2011 10:49 pm

Ciao a tutti, apro un topic su due modi di preparare frutta e verdura che, penso, sono ancora abbastanza sconosciuti in Italia.
Non so voi ma io fino a pochi mesi fa non sapevo cosa fosse una centrifuga (vergogna....). Sarà che non ho ancora una casa fissa dove sistemare i piccoli elettrodomestici e quindi mi limitavo all'essenziale...ora però mi è venuto l'entusiasmo, anche leggendo un libro che, tra l'altro, parlava dei succhi. L'idea mi sembrava valida e ho preso una centrifuga e un buon frullatore per provare un po'.
Intanto dico subito che mi sembra una cosa da incentivare, perchè vi assicuro che è un eccellente metodo per incrementare l'assunzione di micronutrienti da frutta e verdura. E per coloro che ne consumano già in abbondanza, è comunque un'aggiunta preziosa.
Fare merenda pomeridiana assumendo i nutrienti di 2 mele, 3 carote, 2 gambi di sedano e una manciata di spinaci sarebbe impossibile, oltre che controproducente (la frutta sempre a stomaco vuoto e lontana dai pasti!), senza una centrifuga. Si perdono le fibre, ma se i due pasti principali ne sono ricchi (e chi segue una dieta appropriata sicuramente non ha carenza di fibre), diventa solo un vantaggio.

In attesa di approfondire lì'argomento, inizio col chiedervi:
- chi di voi usa centrifugati e frullati? consigli particolari?
- come vi trovate?

Per ora ho solo un dubbio: eliminando le fibre, i nutrienti (e gli zucchieri della frutta...) si assorbono in pochissimo tempo. Bene, ho notato, ma non è ancora scientifica come osservazione :D , che a volte dopo un frullato (di solito il pomeriggio, circa 3 ore dopo pranzo) mi viene sonnolenza e, dopo un'oretta, fame (ma, ripeto, non ho osservato il fenomeno in modo sistematico da poter escludere altre cause). Sarà mica qualcosa legato al picco glicemico?
"We can't tell people to stop eating all meat and all dairy products," he said. "Well, we could tell people to become, vegetarians," he added. "If we were truly basing this only on science, we would, but it is a bit extreme."
(Director, of Harvard's Cardiovascular Epidemiology Program)

mammafelice
Staff
Messaggi: 248
Iscritto il: gio giu 19, 2008 5:58 pm
Località: provincia di torino
Contatta:

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da mammafelice » mer mar 30, 2011 1:07 pm

Sul picco glicemico non so risponderti, o meglio, la mia personale idea è che non sai quella la causa, ma forse il fatto che con centrifughe, senza volerlo, assumi meno calorie che con le tue precedenti merende (e poi l'assenza di fibra riduce di molto la durata del senso di sazietà). Non credo però che l'effetto sulla glicemia di una centrifuga di frutta e verdura possa essere preoccupante...

Io uso la centrifuga ed i frullati, ma non regolarmente.
I frullati sono una merenda alternativa (specie per il topo), a cui, se sono in vegan di esagerare, aggiungo un cucchiaio di crema di mandorle o simili 8)

La centrifuga la uso quando sono in vena di fare i succhi freschi (sopratutto in estate, in inverno andiamo di spremute, così niente brick di succhi, più vitamine, ma poco lavoro :wink: ).
Che dire: una delizia, la mela è eccezionale è aggiusta il sapore di tutte le verdure, rendendo i centrifugati graditi anche ai bambini!
Mi scoccia più che altro per lo spreco (e difatti tento di non buttare la polpa fibrosa, riciclandola in ricette tipo questa:
http://cottoalvapore.blogspot.com/2008/ ... rutta.html ora non uso più il fruttosio, ma tanto per dare l'idea).

E poi la pulizia della macchina non è proprio come sciacquare lo spremiagrumi manuale....
Secondo voi è possibile preparare un buon quantitativo di succo e conservarlo un paio di giorni in frigo?
Sterilizzare del succo fatto con la centrifuga in modo casalingo manda a ramengo le vitamine... Conoscete modi per sterilizzare che non siano far bollire a lungo il barattolo???
http://www.naturalmentemangiando.it/
Socia SSNV e SINVE, Biologa.

Avatar utente
valentina carpanese
Staff moderatori
Messaggi: 114
Iscritto il: mar lug 15, 2008 9:21 pm
Autenticazione: abc1defg2hilmn3opqrst4
Località: Provincia di Venezia
Contatta:

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da valentina carpanese » mer mar 30, 2011 9:29 pm

Anch'io preparo centrifugati e frullati, adoro entrambi, a periodi consumo regolarmente i centrifugati che secondo me risultano molto utili in alcuni casi come ad esempio problemi intestinali, più moderata con i frullati preferendo i frutti interi da mangiare ( anche perchè con i frullati rischio davvero di esagerare).

Preferisco preparare i centrifugati combinando insieme frutta e verdura, e usando soprattutto quelle verdure più fibrose come carote, rape rosse, sedano, oppure foglie di spinaci perchè in questo modo riesco ad assumere molti nutrienti senza avere tutta quella quantità di fibre, e sempre legato a questo viene aumentata la biodisponibilità dei nutrienti, mi viene in mente soprattutto il beta carotene delle carote.

Tra gli abbinamenti preferiti per cetrifugati: arancia-carota-rapa rossa, sedano-carota-mela, spinaci-mela, il succo di mela o di uva è delizioso, io ci aggiungo anche del limone, e anche quello di sola carota; per i frullati a volte aggiungo anche frutta secca ed essicata, cacao puro (non potassato) oppure polvere di carruba, tahin, o altre creme, ad es mela frullata con albicocche secche, oppure avocado banana e polvere di carruba una mousse deliziosa.

Inconvenienti: i costi soprattutto per le centrifughe, fortunatamente mi è stata regalata, e così pure il frullatore (era un usato in realtà ), i tempi e la noia per la pulizia ( come scriveva mammafelice non è proprio così semplice, specie per il filtro della centrifuga una passata sotto l'acqua corrente non basta), e l'evenutale spreco della polpa, anch'io tento di riciclare sempre facendo ad es delle schiacciatine aggiungendo farina di riso, malto... formando dei dischetti e passandoli in forno, però così si ha spreco di enrgia elettrica. Mammafelice guarderò nel tuo blog che di tanto in tanto seguivo.

Sul picco glicemico, non saprei se soprattutto nel caso dei centrifugati in cui viene elimata quasi tutta la fibra questo influenzi, di certo concordo con mammafelice sul fatto che questo esiguo apporto di fibra non porti a sazietà, di fatti per esperienza personale i frullati ( che comunque non eliminano le fibre, le possono rompere ma rimangono, ed inoltre incorporano anche aria) mi saziano mentre i centrifugati non proprio :wink: però sono dei concentrati di micronutrienti.

Non avrei idee per la conservazione, penso siano da preparare e bere al momento, vedo già dopo poche ore come cambia il colore, il sapore...

Valentina

mammafelice
Staff
Messaggi: 248
Iscritto il: gio giu 19, 2008 5:58 pm
Località: provincia di torino
Contatta:

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da mammafelice » gio mar 31, 2011 10:39 am

Già.
Hem, noto ora che ho scritto "quando sono in vegan", naturalmente volevo scrivere "in vena" :lol:
http://www.naturalmentemangiando.it/
Socia SSNV e SINVE, Biologa.

Forrest
Messaggi: 734
Iscritto il: mar ott 20, 2009 9:37 pm
Autenticazione: 123456789101112

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da Forrest » lun apr 04, 2011 10:01 pm

Al centrifugato ho rinunciato purtroppo da tempo perchè non riesco a trovare il tempo per pulire la centrifuga, come vi invidio :)
L'instabilità di un centrifugato è enorme, in particolare si perdono preziosi enzimi dopo l'ora di esposizione alla temperatura dell'ambiente e a contatto con l'aria e naturalmente subito dopo tutto il resto. Il top è quello di consumarlo subito o al massimo dopo un'ora se l'avete conservato in frigo, altrimenti è meglio che ci rinunciate a meno che invece di berli appena pronti ci fate dei ghiaccioli :mrgreen:

Avatar utente
Fox_Mulder
Amministratore
Messaggi: 1321
Iscritto il: lun lug 03, 2006 1:28 pm
Autenticazione: 132435465768
Località: Oslo, Norvegia.
Contatta:

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da Fox_Mulder » lun apr 04, 2011 10:44 pm

concordo, non ho dati oggettivi o test di laboratorio che possono confermarti un "decadimento" dei nutrienti, e di quali nutrienti maggiormente, nel tempo. Sarebbe interessante approfondire.
Però intuitivamente possiamo dire che il contatto dei nutrienti, non più protetti dalle fibre e dalle bucce, con l'ossigeno non penso faccia molto bene, anche refrigerandoli immediatamente. Inoltre la velocità di rotazione miscela le sostanze proprio con l'aria e l'ossigeno. Idem i danni del calore di un eventuale "pastorizzazione".
Detto questo, è meglio bere un centrifugato fatto il giorno prima piuttosto che non berlo affatto! Quindi si può in parte ovviare al problema aggiungendo ad esempio il succo di limone, e conservando il succo in un contenitore ermetico riempiendolo il più possibile (in modo che ci sia meno aria possibile). Io ho conservato alcuni succhi e il sapore restava intatto, anzi freschi sono ancora più buoni :P

Ma voi che centrifughe avete? Io la mia la pulisco in 5 minuti, sono 4 parti che mi basta sciacquare sotto l'acqua, e il cestello che basta spazzolare sotto acqua corrente. Io ho una Philips HR 1861, l'ho presa da amazon.uk a 70 euro, metà prezzo rispetto ai ladri italiani, e garanzia valida europea (ho chiamato la Philips per chiedere). Unica nota spinotto da cambiare, meno di 1€ ed è fatta. Ah, esce anche in omaggio un bellissimo libro di ricette, "The Juice Master", un pazzo inglese ma molto molto simpatico!
Mi sembra una macchina da compromesso tra prezzo e qualità anche se non ho termini di paragone. Certo la polpa che viene fuori non è del tutto secca, ma a quanto ho capito per avere un estrattore che secchi la polpa bisogna spendere centinaia di euro...

Apriamo un topic di ricette per centrifughe? :P:P
Ah se volete un'idea per la colazione.....il juice master consiglia:
Centrifugare 1 arancia (senza buccia!) e 2-3 fette di ananas. Frullare il succo con 1 banana, 1 cubetto di cioccolata fondente grattuggiata, mezzo o uno yogurt di soia, aggiungere un po' di acqua a piacere. Voilà!

mammafelice la tua idea per utilizzare le fibre non sembra niente male :D anche se al momento sto evitando farine penso che farò una prova prossimamente. Il fruttosio si può sostituire con altri dolcificanti?
"We can't tell people to stop eating all meat and all dairy products," he said. "Well, we could tell people to become, vegetarians," he added. "If we were truly basing this only on science, we would, but it is a bit extreme."
(Director, of Harvard's Cardiovascular Epidemiology Program)

mammafelice
Staff
Messaggi: 248
Iscritto il: gio giu 19, 2008 5:58 pm
Località: provincia di torino
Contatta:

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da mammafelice » mar apr 05, 2011 9:48 am

Io avevo una centrifuga da 50 euro circa e avanzava molta polpa bagnatissima. Ora uso la centrifuga del robot da cucina (un philips tuttofare potente) che funziona molto meglio. Sì, pulirlo è relativamente veloce perchè, facendolo subito, basta sciacquare sotto il getto d'acqua, però essendo una caraffa da robot è più ingombrante e più che altro cerco di fare centrifughe quando ho idee o tempo per riciclare le fibre...
P.S. certo che puoi sostituire il fruttosio! Nel periodo in cui scrissi quella ricetta avevo chissà perchè comprato del fruttosio, ma va altrettanto bene zucchero integrale di canna, sciroppo d'acero o malto di riso! Però per le dosi ti consiglio di assaggiare un poco di impasto, perchè è soggettiva l'abitudine al dolce (poi dipende se è per te o se devi convincere un bambino :lol: ).

P.S2. Mi chiedo a questo punto cosa possa rimanere per esempio nel succo 100% mela che il topo adora... Sarà solo più acqua e zucchero o almeno qualche acido organico rimarrà dopo pastorizzazione? Mah... meno male che ci piace la frutta fresca :wink:
http://www.naturalmentemangiando.it/
Socia SSNV e SINVE, Biologa.

Avatar utente
Fox_Mulder
Amministratore
Messaggi: 1321
Iscritto il: lun lug 03, 2006 1:28 pm
Autenticazione: 132435465768
Località: Oslo, Norvegia.
Contatta:

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da Fox_Mulder » mer apr 06, 2011 10:55 am

anche io sono un bevitore dipendente di Apfelsaft...quello tedesco, limpido, 100% mela. Mio zio che vive in Germania mi ha detto che loro portavano le mele raccolte in uno stabilimento e ne estraevano il succo, e il procedimento era abbastanza naturale, era tipo una mega pressa che schiacciava tutto. Però forse lo scaldano in qualche modo (?) per conservarlo meglio, o basta lo zucchero? E in ogni caso ora che ho scoperto i centrifugati freschi ne consumo molto meno.
Riguardo gli altri "succhi di frutta" fatti di acqua, sciroppi vari, vitamine aggiunte e schifezze indicibili, no comment.
"We can't tell people to stop eating all meat and all dairy products," he said. "Well, we could tell people to become, vegetarians," he added. "If we were truly basing this only on science, we would, but it is a bit extreme."
(Director, of Harvard's Cardiovascular Epidemiology Program)

Avatar utente
valentina carpanese
Staff moderatori
Messaggi: 114
Iscritto il: mar lug 15, 2008 9:21 pm
Autenticazione: abc1defg2hilmn3opqrst4
Località: Provincia di Venezia
Contatta:

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da valentina carpanese » mer apr 06, 2011 2:49 pm

Anche la centrifuga che mi è stata regalata è una Philips ma HR 1854, un pò meno potente e forse più difficile da gestire, non lo so ma per me è un incubo ogni volta togliere il filtro, l'incastro è terribile, non se sia un problema di questo modello o solo della mia, e poi forse utilizzando verdura molto fibrosa come le rape rosse a volte faccio fatica a lavare il filtro.
In omaggio io ho avuto il DVD del Juice Master, sì concordo simpatico.

Comunque solo 70 € per la HR 1861 da Amazon, quasi quasi se riesco a vendere questa ( che a quanto diceva la persona che me l'aveva regalata era costata un bel pò ) me la prenderei.

Carina l'idea del topic :wink:

Comunque ho pravato a riciclare la polpa anche senza aggiungere farine, ma solo malto di riso oppure nulla, si stende sottile sottile su carta da forno vengono delle schiacciatine croccanti, buone

Valentina

Avatar utente
Lunaspina
Messaggi: 232
Iscritto il: sab giu 12, 2010 9:08 am
Autenticazione: avbei5t1m8lsu7

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da Lunaspina » mer apr 06, 2011 10:16 pm

Mi avete fatto venire in mente che da qualche parte in casa dovrebbe essere sepolto l'accessorio-centrifuga del mio ormai vecchissimo robot da cucina. Non l'ho mai usato perché centrifugati e frullati non fanno parte del mio modo di alimentarmi. Se ad un frullato simil crema Budwig alla fine ho "ceduto" (con grande soddisfazione del mio stomaco :lol: ) il centrifugato l'ho sempre scartato a priori soprattutto per via del residuo... gettare ciò che è commestibile mi fa venire una perniciosissima orticaria e il riciclaggio tramite torte o simili, anche se allettante, per me diventa problematico (sarei l'unica a mangiarle), mi è quindi piaciuto assai il suggerimento di Valentina (grazie!) e poi ci son sempre minestroni e zupponi vari...
Però, c'è poco da fare, nella mio immaginario verdura e frutta si masticano, non si bevono :lol: e tutto quel disintegrare fibre e pareti cellulari fuori dal mio apparato digerente mi risulta quantomeno bizzarro... :? e sospetto... insomma, alla fine, anche riciclando, un po' di nutrienti si perdono e la mia personale psicosi "Noli perdere cibum!" comincia a prudere...
Nella mia testolina centrifugato/frullato = modalità di emergenza di somministrazione di nutrienti, insomma, l'anticamera della nutrizione parenterale :lol: ... però capisco che nei bambini o in chi non ha un'alimentazione ottimale possano essere una mano santa.
Certo che saltare l'insalatona a pranzo e farmi un bel centrifugato un po' prima della palestra potrebbe aiutarmi, nel senso che 1) causa abbondanza di fibre la mia digestione è sempre molto lunga e rischio di trovarmi con il pranzo ancora sullo stomaco mentre litigo con qualche macchina 2) un bel pieno di antiossidanti prima di forzare un po' la mano ai normali processi ossidativi magari male non fa... Che dite, provo? Ma, a parte frutta e verdura molto "succosa" (tipo agrumi o pomodori), che volume/peso di vegetali ci vuole per ottenere un bicchiere di centrifugato (pensavo soprattutto a carote e foglie)?

Avatar utente
Fox_Mulder
Amministratore
Messaggi: 1321
Iscritto il: lun lug 03, 2006 1:28 pm
Autenticazione: 132435465768
Località: Oslo, Norvegia.
Contatta:

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da Fox_Mulder » gio apr 07, 2011 11:29 am

Concordo, anche a me inizialmente l'idea di "sprecare" le fibre non mi attirava, e in effetti non è una gran cosa, soprattutto in una dieta che magari a stento raggiunge i 30g giornalieri come capita a tanti onnivori o vegetariani incoscienti. Ma per chi come noi consuma già naturalmente molte fibre, la cosa si trasforma da svantaggio a vantaggio. Io i centrifugati li vedo, oltre che come pratici per avere una carica immediata e facilmente assorbibile, come per molti l'unico modo di assumere micronutrienti dalle verdure crude. E non parlo solo degli onnivori, ma anche di noi veg*ani che magari tendiamo a sbilanciare un po' troppo la dieta verso cibi cotti. Insomma, possono essere un complemento/integrazione che apporta benessere sia ad una dieta sregolata e povera di verdure, sia ad una dieta veg*ana sana, in cui per motivi vari non si riescono a consumare tante verdure crude (es, apporto calorico insufficiente). In fondo è un vero e proprio integratore naturale. Io raramente riuscirei a fare merenda con 1 mela, 4 carote, 2 gambi di sedano, una manciata di spinaci e 1 banana, mentre due bicchieri di centrifugato mi fanno assumere i nutrienti di tutte queste cose e lasciano anche spazio per qualcos'altro se ho bisogno di più calorie.

Sul centrifugato come sostituto del pranzo invece ho dei dubbi, perchè il potere saziante sarebbe troppo limitato in confronto. Però come dicevi tu, nel caso si debba andare in palestra e non si ha tempo di mangiare 2 ore prima, un bel frullato risolverebbe i problemi.

Riguardo il volume di verdure necessarie per produrre tot succo non ti so rispondere, anche perchè dipende dai modelli di centrifuga. Col mio sto iniziando a farmi un po' la mano, ma ancora non ho quantificato la cosa, anche perchè essendo un pozzo senza fondo io bevo tutto quello che esce anche se è troppo :D
Cmq la ricetta che ho citato sopra mi dava circa 2 bicchieroni di centrifugato. Stamattina 2 pere abate ad occhio hanno dato circa 250-300ml di succo.
"We can't tell people to stop eating all meat and all dairy products," he said. "Well, we could tell people to become, vegetarians," he added. "If we were truly basing this only on science, we would, but it is a bit extreme."
(Director, of Harvard's Cardiovascular Epidemiology Program)

Avatar utente
Lunaspina
Messaggi: 232
Iscritto il: sab giu 12, 2010 9:08 am
Autenticazione: avbei5t1m8lsu7

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da Lunaspina » gio apr 07, 2011 12:00 pm

Sul centrifugato come sostituto del pranzo invece ho dei dubbi
Noooo, che sostituto del pranzo! Sostituto dell'insalata del pranzo :lol: . Io sono una piattolona che pranza con primo, secondo, pane, insalatona mista e frutta (si, lo so, non si fa, ma alla mia viziosità il dolce della frutta serve da dessert e mantengo le abitudini familiari :roll: ).
Per quanto riguarda le calorie ultimamente non ho problemi, nel senso che i farmaci mi hanno regalato 6-7 Kg da smaltire, quindi non mi preoccupo di assumerne troppo poche :? . Infatti ero più orientata a frullare/centrifugare verdure invece che frutta fresca/secca/essiccata...

Dunque 1/2 mela, 2 carote, 1 gambo di sedano e un po' di spinaci mi darebbero circa un bicchiere di succo... con la poltiglia potrei farci dei "crackers" da sgranocchiare qua e là... mi sa che a merenda provo...

[Fra i tuoi studi, l'idiosincrasia per i prelievi di sangue, l'avatar, i frullatoni e il fatto che ti definisci un pozzo senza fondo... mi sto facendo un immagine di te molto singolare :lol: pregasi evitare clamorose smentite]

Avatar utente
Akira
Messaggi: 346
Iscritto il: dom feb 04, 2007 10:21 am

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da Akira » ven apr 15, 2011 9:43 am

Bisogna considerare anche la masticazione che viene a mancare...

seitanterzo
Staff moderatori
Messaggi: 2428
Iscritto il: dom ago 06, 2006 2:16 pm
Autenticazione: a9a9a9a9a9a9
Località: Roma

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da seitanterzo » ven apr 15, 2011 10:12 pm

Akira ha scritto:Bisogna considerare anche la masticazione che viene a mancare...
Su questa ci alleniamo già abbastanza nel corso di tutte le altre mangiate! :lol:
Educatore Alimentare

Avatar utente
Lunaspina
Messaggi: 232
Iscritto il: sab giu 12, 2010 9:08 am
Autenticazione: avbei5t1m8lsu7

Re: Centrifugati e frullati - esperienze, consigli, dubbi

Messaggio da Lunaspina » sab apr 16, 2011 9:27 am

Su questa ci alleniamo già abbastanza nel corso di tutte le altre mangiate! :lol:
Vero, però la fase orale dell'alimentazione ha un suo peso nell'attivare tutti i meccanismi di digestione e motilità dell'apparato digerente, quindi non la sottovaluterei. È anche vero che frullati e centrifugati forniscono nutrienti già processati meccanicamente e spesso di più breve digestione...
[Oh, io ci ho provato, ma centrifugare proprio non fa per me, mi intristisce... Si vede che sono un roditore, non un colibrì, quindi continuerò a tenere in allenamento la mandibola :lol: ]

Rispondi