Salute dentale

Moderatore: Staff moderatori

Marzian
Amministratore
Messaggi: 619
Iscritto il: lun nov 15, 2010 9:03 pm
Autenticazione: safhfjhasfjasfsajk
Località: Venezia
Contatta:

Salute dentale

Messaggio da Marzian » mar mag 24, 2011 6:22 pm

Ciao,
Una questione che non vedo mai tratta (Scienza Vegetariana, PCRM etc) è quella della salute dentale e la prevenzione delle carie. Il tema mi interessa moltissimo, perchè nella mia famiglia ci sono sempre stati problemi dentali, anche abbastanza gravi. Per capirci: prima dei 18 anni avevo già subito due estrazioni... :-(

Purtroppo sembra che il vegetarismo non offra particolari protezioni in questo ambito: ne parlava per esempio Claus Leitzmann in "Vegetariani" (Mondadori, 2002). Ho trovato alcune pubblicazioni con risultati per nulla incoraggianti provenienti da India, America Latina, Italia e Scandinavia:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8669240
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19212515
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16972391
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21217622

Comunque, ecco qualche idea:

- Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, thè, caffe, e cacao (ovviamente, tutti senza zucchero ed altri addittivi!) potrebbero essere protettivi:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11289514
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15464031
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19397954
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20379435

- E anche i mirtilli rossi: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20943032

Poi ovviamente valgono le solite raccomandazioni sugli strumenti (filo interdentale, spazzolino e pulisci-lingua quotidianamente), sul non mangiare frutta disidrata come snack ma piuttosto durante i pasti e cercare di limitare la frutta citrata.

Mi dite cosa usate come dentrificio cruelty-free o se avete qualche altro "trucco"? Grazie!
Carlo Martini.

Disclaimer: Ogni messaggio esprime solo opinioni strettamente personali, non necessariamente condivise da altre persone del Forum "Informazione Alimentare" o di qualunque altra realtà passata, presente o futura a cui posso aver collaborato a qualunque titolo.

seitanterzo
Staff moderatori
Messaggi: 2428
Iscritto il: dom ago 06, 2006 2:16 pm
Autenticazione: a9a9a9a9a9a9
Località: Roma

Re: Salute dentale

Messaggio da seitanterzo » mar mag 24, 2011 7:14 pm

I denti sono in continuo movimento, e bisogna sapere che un errato posizionamento dell'apparato stomatosgastico, a seguito di traumi o cattiva postura, può comprometterne la giusta collocazione. Quindi i problemi possono essere molteplici.
Comunque giro il quesito a Cristina, la nostra odontoiatra!
Educatore Alimentare

Avatar utente
cristina grossi
Staff
Messaggi: 17
Iscritto il: gio mar 27, 2008 3:23 pm
Località: Roma
Contatta:

Re: Salute dentale

Messaggio da cristina grossi » mar mag 24, 2011 9:37 pm

Poiché la carie è una patologia multifattoriale, non è facile individuare nel singolo il motivo che lo rende più o meno cariorecettivo.
Recentemente si è messa in luce la relazione tra consumo di cibi acidi (agrumi) e condizioni che favoriscono l'azione dello streptococco mutans, l'agente patogeno responsabile delle formazione della lesione cariosa.
Sempre recentemente si stanno verificando le capacità del Lactobacillus reuteri nel contrastare l'attività dello streptococco mutans. E' in cantiere la formulazione di un collutorio che lo contenga.

Tornando alla questione vegetariana, carne e pesce sono considerati un cibo neutro, che non favorisce né contrasta la formazione di carie ( e personalmente nella mia esperienza clinica non ho notato discrepanze da ciò), mentre sono considerati cibi cariogeni gli zuccheri, semplici e complessi; tanto che dal punto di vista odontoiatrico sarebbe persino preferibile una merenda a base di patatine fritte piuttosto che a base di frutta secca tipo uvetta, fichi, datteri...

Per quanto riguarda gli studi citati, bisogna considerare che in alcuni il campione è troppo esiguo o inadeguato (30soggetti - 15 soggetti - uno studio su modello animale - altri n.p.) e che la genesi multifattoriale non consente un reale criterio di esclusione di altre cause predisponenti della patologia (nel caso dell'unico studio eseguito su 1000 soggetti).

Consigli per abbassare la virulenza dello S. mutans: lavare i denti dopo ogni pasto (è considerato pasto anche mangiare una caramella) con o senza dentifricio.

Visto che l'unico reale beneficio sembra provenire dall'uso dei dentifrici al fluoro, la scelta è tra:
1) utilizzare se si vuole un dentifricio al fluoro;
2) utilizzare un qualsiasi altro dentifricio senza fluoro;
3) utilizzare un dentifricio non testato (tipo bjobj) con o senza fluoro;
4) non utilizzare il dentifricio.


Un suggerimento che mi sento di dare è quello di fare frequenti sciacqui con acqua e bicarbonato durante il giorno per invertire la curva del pH del cavo orale e creare un ambiente sfavorevole per i microorganismi patogeni.
Passare il filo è molto più importante di quanto si creda, poiché la bocca è capace di autodetersione e quasi tutte le facce dentali ne beneficiano, eccetto le zone interdentali.

seitanterzo
Staff moderatori
Messaggi: 2428
Iscritto il: dom ago 06, 2006 2:16 pm
Autenticazione: a9a9a9a9a9a9
Località: Roma

Re: Salute dentale

Messaggio da seitanterzo » mar mag 24, 2011 9:38 pm

seitanterzo ha scritto: dell'apparato stomatosgastico,
Sì, domani...STOMATOGNASTICO!
Educatore Alimentare

seitanterzo
Staff moderatori
Messaggi: 2428
Iscritto il: dom ago 06, 2006 2:16 pm
Autenticazione: a9a9a9a9a9a9
Località: Roma

Re: Salute dentale

Messaggio da seitanterzo » mar mag 24, 2011 9:42 pm

Grazie Cri! :wink:
Educatore Alimentare

Avatar utente
Davide'80
Amministratore
Messaggi: 448
Iscritto il: lun dic 07, 2009 8:22 pm
Autenticazione: 1561188800348882
Località: Milano

Re: Salute dentale

Messaggio da Davide'80 » mar mag 24, 2011 10:29 pm

Cristina, ho una domanda: si riscontrano apprezzabili differenze in termini di detersione tra il lavarsi i denti con il dentifricio e senza?
Immagine

Forrest
Messaggi: 734
Iscritto il: mar ott 20, 2009 9:37 pm
Autenticazione: 123456789101112

Re: Salute dentale

Messaggio da Forrest » dom mag 29, 2011 3:44 pm

Anche io mi metto in coda e mi piacerebbe avere un parere sulla qualità di due tipi di dentifricio:
1 - In polvere: ingredienti: calcium carbonate, xylitol, sodium chloride, aqua, chamomilla recutita, salvia officinalis, melissa officinalis, hamamelis virginiana, potentilla erecta, rosmarinus officinalis, estratto citreum.
2 - in gel: ingredienti: aqua, hydratedsilica, glycerin, sorbitol, xylitol, sodium lauroyl sarcosinate, xanthan gum, glycyrrhiza glabra, polysorbate 20, aroma, titanium doixide, ammonium glycyrrhizate, benzoic acid, allantoin, calendula officinalis, plantago major, usnae barbata, usnic acid, commiphora myrrha, pimenta acris, tocopherol, eugenòl.
Grazie

Avatar utente
cristina grossi
Staff
Messaggi: 17
Iscritto il: gio mar 27, 2008 3:23 pm
Località: Roma
Contatta:

Re: Salute dentale

Messaggio da cristina grossi » sab giu 04, 2011 10:28 pm

Il dentifricio è un coadiuvante nella detersione dei denti. Ciò vuol dire che si può pulire bene il cavo orale anche senza usarlo.
E' molto importante valutare l'indice di abrasività del dentifricio, per questo le polveri sono controindicate in quanto già di per sé abrasive. L'indice di abrasività è indicato sulla confezione con la sigla RDA, acronimo di Relative Dentin Abrasivity. Il valore deve essere più basso possibile e comunque inferiore a 100. Più è alto il valore di RDA maggiore è rischio di danni allo smalto (abrasioni, ipersensibilità).
Per quanto riguarda quindi il primo dentifricio in polvere sono un po' titubante. Per quanto riguarda il secondo (homeofresh?), ha la formula classica dei dentifrici, ma senza parabeni, senza fluoro (per me ok, anche se il fluoro contribuisce ad alzare il pH) e contiene estratti vegetali con azione lenitiva nei confronti delle gengive. Se è specificato l'indice RDA siamo a posto.
Un ruolo molto importante è attribuito al modo nel quale si esegue la pulizia, allo spazzolamento vero e proprio, capace di creare usure e lesioni cervicali se non eseguito correttamente.

Forrest
Messaggi: 734
Iscritto il: mar ott 20, 2009 9:37 pm
Autenticazione: 123456789101112

Re: Salute dentale

Messaggio da Forrest » dom giu 05, 2011 8:10 am

Grazie molto per le informazioni preziose.

Forrest
Messaggi: 734
Iscritto il: mar ott 20, 2009 9:37 pm
Autenticazione: 123456789101112

Re: Salute dentale

Messaggio da Forrest » dom giu 26, 2011 11:59 am

cristina grossi ha scritto:Il dentifricio è un coadiuvante nella detersione dei denti. Ciò vuol dire che si può pulire bene il cavo orale anche senza usarlo.
E' molto importante valutare l'indice di abrasività del dentifricio, per questo le polveri sono controindicate in quanto già di per sé abrasive. L'indice di abrasività è indicato sulla confezione con la sigla RDA, acronimo di Relative Dentin Abrasivity. Il valore deve essere più basso possibile e comunque inferiore a 100. Più è alto il valore di RDA maggiore è rischio di danni allo smalto (abrasioni, ipersensibilità).
Per quanto riguarda quindi il primo dentifricio in polvere sono un po' titubante. Per quanto riguarda il secondo (homeofresh?), ha la formula classica dei dentifrici, ma senza parabeni, senza fluoro (per me ok, anche se il fluoro contribuisce ad alzare il pH) e contiene estratti vegetali con azione lenitiva nei confronti delle gengive. Se è specificato l'indice RDA siamo a posto.
Un ruolo molto importante è attribuito al modo nel quale si esegue la pulizia, allo spazzolamento vero e proprio, capace di creare usure e lesioni cervicali se non eseguito correttamente.
Ciao Cristina,
Nel frattempo mi sono dato da fare e debbo dire che non è stato per niente facile avere i dati:
Per quanto riguarda il dentifricio in polvere che si chiama Perblan l'RDA è 53.
Preferisco di più comunque il secondo della ditta Unda Homeofresh ma questo indice non è previsto dalla casa produttrice e quindi non saprei che dire. E' una crema gel e presumo sia estremamente basso l'indice di abrasività. Mi puoi dare un tuo parere?
Inoltre dietro tuo indizio ho raccolto dati sull'RDA dei dentifrici.
L'american Dental Association consiglia di non utilizzare dentifrici con abrasività superiore a 30 RDA in presenza di dentina esposta sensibile. In presenza di denti e gengive sane il coefficiente di abrasività ideale non dovrebbe comunque essere superiore a 75 RDA. Un valore di RDA troppo elevato (superiore a 200) può causare, nel tempo, danni a livello dello smalto.
dentifrici a bassa abrasività (da 60 a 70)
dentifrici a media abrasività (da 70 a 100)
dentifrici a moderata abrasività (da 100 a 120)
dentifrici ad alta abrasività (da 120 a 200)

mammafelice
Staff
Messaggi: 248
Iscritto il: gio giu 19, 2008 5:58 pm
Località: provincia di torino
Contatta:

Re: Salute dentale

Messaggio da mammafelice » dom giu 26, 2011 2:04 pm

Ciao Cristina, Mi unisco in questo interessante post con una richiesta di conferma: è vero che la soluzione di acqua e bicarbonato non è troppo abrasiva?
Io mi trovo benissimo e la uso regolarmente (2 volte al giorno e una un dentifricio alle erbe senza fluoro attualmente, il fluoro mi è stato sconsigliato in gravidanza).
Io so che il bicarbonato in polvere è ovviamente fortemente abrasivo, ma che in soluzione, essendo completamente disciolto e non più in forma cristallina in quanto un sale. Per quel che sono i miei ricordi di chimica la cosa ha senso e appunto lo uso, con la sola accortezza di attendere sempre che la soluzione sia ben sciolta (quando la rifaccio) prima di usarlo e di non immergere lo spazzolino contro il fondo del barattolino per evitare di raccogliere eventuali cristalli depositati se la soluzione è satura. Confermi?

Domanda 2: da un bel po' di tempo pulisco la lingua ogni volta che lavo i denti (me lo insegnò anni fa un'amica marocchina, quando qui ancora non c'erano le pubblicità del pulisci lingua). Quel che mi chiedo è se cambia molto tra usare uno spazzolino allo scopo oppure l'apposito pulisci lingua che ora si trova in commercio. Grazie in anticipo, sei gentilissima e utilissima!!!
http://www.naturalmentemangiando.it/
Socia SSNV e SINVE, Biologa.

Avatar utente
cristina grossi
Staff
Messaggi: 17
Iscritto il: gio mar 27, 2008 3:23 pm
Località: Roma
Contatta:

Re: Salute dentale

Messaggio da cristina grossi » dom giu 26, 2011 6:10 pm

Per Forrest. Trovo difficoltà a capire come un dentifricio in polvere possa sviluppare solo un coefficiente di abrasività pari a 53. Comunque, se è così, in teoria puoi avvalertene, magari con l'accortezza di non usarlo a secco, ma di bagnare la polvere. Per l'altro senza RDA, homeofresh, se non hai particolari problemi di ipersensibilità e ti trovi bene, prova ad usarlo, se poi intervengono episodi di ipersensibilità puoi interrompere.

Per Mammafelice. Io consiglio di usare la soluzione di bicarbonato esattamente come fai tu.
Abbiamo sempre usato gli spazzolini normali (magari il tipo morbido) per pulire le mucose, inclusa la lingua, ma a quanto pare può fare business anche una piccola cosa come il "puliscilingua". Usa quello che preferisci.
Leggi attentamente la composizione degli integratori prescritti in gravidanza, se ne assumi. Quasi tutti contengono Fluoro, che, come è noto, anche a basso dosaggio, interferisce con la formazione del sistema nervoso embrionale.

Un saluto

mammafelice
Staff
Messaggi: 248
Iscritto il: gio giu 19, 2008 5:58 pm
Località: provincia di torino
Contatta:

Re: Salute dentale

Messaggio da mammafelice » dom giu 26, 2011 6:50 pm

Grazie infinite!
Sono felice che anche tu confermi la bontà del bicarbonato se in soluzione. E continuerò a spazzolarmi la lingua con lo spazzolino :wink:
Per quanto riguarda il fluoro non assumo integratori tranne B12 e DHA, il dentifricio lo uso saltuariamente e senza fluoro. Ancora grazie :)
http://www.naturalmentemangiando.it/
Socia SSNV e SINVE, Biologa.

Forrest
Messaggi: 734
Iscritto il: mar ott 20, 2009 9:37 pm
Autenticazione: 123456789101112

Re: Salute dentale

Messaggio da Forrest » dom giu 26, 2011 6:53 pm

cristina grossi ha scritto:Per Forrest. Trovo difficoltà a capire come un dentifricio in polvere possa sviluppare solo un coefficiente di abrasività pari a 53. Comunque, se è così, in teoria puoi avvalertene, magari con l'accortezza di non usarlo a secco, ma di bagnare la polvere.
Grazie Cristina, ho un documento diretto della Perblan che dichiara l'RDA circa 53 sia per quello alla menta che al limone perchè vengono utilizzati due tipi di carbonato di calcio con un diametro di 3-7 micron che non sono pericolosi per lo smalto dei denti.

Marzian
Amministratore
Messaggi: 619
Iscritto il: lun nov 15, 2010 9:03 pm
Autenticazione: safhfjhasfjasfsajk
Località: Venezia
Contatta:

Re: Salute dentale

Messaggio da Marzian » ven gen 20, 2012 1:23 am

Mi sapete consigliare un dentrificio "natural" (magari anche cruelty-free certificato?) ma che contenga fluoro?
Carlo Martini.

Disclaimer: Ogni messaggio esprime solo opinioni strettamente personali, non necessariamente condivise da altre persone del Forum "Informazione Alimentare" o di qualunque altra realtà passata, presente o futura a cui posso aver collaborato a qualunque titolo.

Rispondi